Matteo Mezzaro – Tenore

Avviato fin da giovane allo studio della musica, affina la propria formazione sotto la guida di importanti maestri quali Z. Metha, O. Dantone, G. Leonhard, C. Hogwood, Ton Koopman, M. Radulescu, F. M. Bressan, J. Savall, esibendosi in numerosi concerti di monodia, musica rinascimentale e barocca, oltre a spettacoli di commedia dell’arte, opera barocca e opera romantica. Nel 2009 ottiene la laurea triennale in canto rinascimentale e barocco e l’anno successivo consegue il diploma in Organo e Composizione Organistica. Parallelamente agli studi accademici, si avvicina definitivamente al repertorio operistico, che attualmente sta perfezionando sotto la guida del tenore Sergio Bertocchi.

La sua attività solistica lo vede esibirsi in vari ambiti. Per la musica sacra e oratoriale esegue: Requiem di G.S.Mayr, Johannes Paulus II di L.Signorini e Unico corpo di A.Kirschner in prima esecuzione assoluta; Cantata bwv106 di J.S.Bach, Theresienmesse di J.Haydn, Messiah, Carolin Te Deum, Ode for S. Cecilia’s day, vari Anthem’s di G.F.Handel, Requiem di W.A.Mozart, Die Schöpfung di F.J.Haydn, Via Crucis e Missa Solemnis di F.Listz, Fantasia corale op. 80 di L.V.Beethoven, Petite Messe Solennelle di G.Rossini, Cantata Saint Nicholas di B.Britten.

In ambito operistico debutta nel 2010, presso il teatro Malibran di Venezia, nel ruolo di Paolino ne Il Matrimonio Segreto di D.Cimarosa. Nel settembre dello stesso anno è Beppe nella Rita di G. Donizetti. Nel febbraio 2011 debutta nel ruolo del Tenore Guglielmo ne Le convenienze e inconvenienze teatrali di G.Donizetti per il circuito dei teatri di Pisa, Lucca e Livorno, nell’ambito del progetto LTL Opera studio, sotto la direzione di Federico Maria Sardelli e la regia di Severio Marconi. Ad aprile dello stesso anno è Demetrio in The Fairy Queen di H.Purcell al Teatro Wielki di Poznan (Polonia) con la regia di M.Znaniecki. Due mesi dopo, per il Festival OperaObliqua (Svizzera), è impegnato nel ruolo di Mitrane nel Demetrio di G.S.Mayr, diretto, in prima esecuzione in tempi moderni, dal M° F.Agudin.

Nell’estate 2010, per il Festival Opera Barga (LU), è Mitridate ne Il tigrane di A.Vivaldi sotto la direzione del M° F.M.Sardelli e la regia di Dagny Müller; per il Festival dello Sferisterio di Macerata prende parte alla “Festa monteverdiana”, con l’ensemble Cantar Lontano diretto da M. Mencoboni e la regia di Pier Luigi Pizzi; per il Festival di Santander (Spagna), è Arlecchino in Mandragora di Karol Szymanowski e Uriel in Die Schöpfung di F.J.Haydn diretta da F.M.Bressan.

Nel gennaio 2012 è stato Nemorino ne L’elisir d’amore di G. Donizetti presso il teatro Alfieri di Asti, con la direzione di F. Zingariello e la regia di K. Ricciarelli. Il 25 febbraio 2012 debutta il ruolo di Mozart in Mozart e Salieri di R. Korsakov per la stagione lirica del teatro verdi di Pisa, con la regia di G. Floris e la direzione di F. Pasqualetti. Nel luglio 2012 è Impegnato nel ruolo di Eurillo ne Gli equivoci nel sembiante di A. Scarlatti presso il teatro dei differenti di Barga con la direzione musicale di C. Ipata e la regia di Dagny Müller. Nel dicembre dello stesso anno è Alfredo ne La Traviata di G. Verdi con la regia di I. Stefanutti e la direzione musicale del M° F. Da Ros.

Nel gennaio 2013 è Don Basilio e Don Curzio ne Le nozze di Figaro di W. A Mozart, con la regia di A. Paloscia e la direzione di F. Da Ros. A Marzo è Dott. Cajus in Falstaff sotto la direzione di R. Parmeggiani e la regia di I. Stefanutti. In occasione del primo “Concorso lirico internazionale Premio Etta Limiti”, presso il Teatro Dal Verme di Milano, è stato finalista e vincitore di vari premi speciali (segnalazioni ai più prestigiosi teatri lirici italiani) a lui offerti da alcuni dei direttori artistici presenti al Gala Finale. A luglio è il Marchese della Conchiglia ne La Cecchina di N. Piccinni al piccolo festival del FVG, con la direzione di F. M. Bressan e la regia di E. Marini. Nell’ottobre 2013 debutta il ruolo di Fracasso ne La finta semplice di W. A. Mozart per il circuito ASLICO.

Nel gennaio del 2014 ha preso parte alla produzione di Gianni Schicchi di G. Puccini nel ruolo di Gherardo per il teatro regio di Parma, con la direzione del M° I. Ciampa e la regia di F. Grazzini e il mese successivo è il Conte Alberto de L’occasione fa il ladro di G. Rossini presso il Teatro G. Verdi di Trieste, con la direzione di J. Perez-Sierra e la regia di E. Brusa. A Luglio affronta la parte del cigno de I Carmina Burana con la direzione del M° M. Rota e a settembre è Don Ottavio nell’opera Don Giovanni di W. A. Mozart per il circuito ASLICO con la regia di G. Vick e la direzione di Josè Gomez-Rios.

A Gennaio 2015 è stato finalista e vincitore di uno dei premi speciali al 52 concorso internazionale Francesc Viñas e lo stesso mese, ha cantato al Teatro S. Carlo di Napoli il requiem di W. A. Mozart. Nel mese di marzo è stato ancora Nemorino presso il Teatro Manoel a la Valletta a Malta, sotto la bacchetta di Philipp Walsh e la regia di Denise Mulholland. In aprile invece partecipa alla ripresa della produzione di opera domani del circuito Aslico con l’opera Zauberflote (2012) presso la Royal opera Hause di Muscat in Oman. In giugno veste nuovamente i panni di Don Ottavio con la regia di Davide Garattini e la direzione di Tara Simoncic. A Ottobre per il Festival Verdi di Parma è Roderigo nell’Otello di G.Verdi con la regia di P.Pizzi e la direzione di D. Callegari e Selimo nell’opera Il corsaro di G. Verdi sempre nello stesso festival con la direzione di F.I.Ciampa e la regia di L. Puggelli.

A dicembre invece partecipa nella Vedova Allegra di F.Lehar nei panni dell’innamorato Camille di Rosillon per la fondazione del teatro lirico di Cagliari con la direzione di S. Rolli e la regia di M. Corradi.

Il 2016 invece inizia con la realizzazione del Capriccio di R.Strauss nel ruolo de Il Tenore Italiano presso il teatro Metropol di Metz (Francia) con la regia di D. Kaegi e la direzione di B. Pionner. A febbraio invece interpreta Alfredo da La Traviata di G.Verdi con la direzione di A. Albertin presso il festival Opera rara di San Sebastian (Spagna).

Ad aprile intraprende una tournee (Torino, Modena, Ferrara, Napoli) con L’OSN della Rai di Torino cantando la parte del pastore nell’ Oedipus Rex di I.Stravinsky sotto la bacchetta di J. Valchua. In luglio partecipa al festival di Martina Franca nelle vesti di Artemidoro da “La grotta di Trofonio” di G. Paisiello con la regia di A. Antoniozzi e la direzione del M° G. Grazioli. A settembre torna al circuito lirico lombardo Aslico, questa volta nei panni di Ferrando dal Così fan tutte di W. A. Mozart, con la regia di F. Micheli e la direzione di G. Capuano e F. Pasqualetti.

Il 2017 segna il suo debutto presso il Teatro alla scala nella produzione de “La gazza ladra” di G. Rossini, diretta da R. Chailly con la regia di G. Salvatores. A luglio veste i panni di Lord Arturo nella “Lucia di Lammemoor” per il festival Opera Estate di Padova e Bassano del G. con la direzione di G. Bisanti e la regia di P. Giani. Successivamente debutta il ruolo di Ernesto nel “Don Pasquale” di G. Donizetti per il festival lirica in piazza, con la direzione di S. Seghedoni e la regia di M. Lippi.  Tra questi impegni operistici, l’estate 2017 vede anche la collaborazione con la Fondazione Pavarotti in due eventi per la ricorrenza del decennale della morte del grande artista Luciano Pavarotti: il primo presso l’arena di El Jem (Tunisia) e il secondo, presso l’arena di Verona, evento condotto dal presentatore Carlo Conti, trasmesso in diretta radio RTL 102.5 e video nel canale tv Rai uno.

A settembre, è tenore solista del Magnificat Di J. S. Bach, presso la basilica superiore di Assisi, con la direzione di F. M. Bressan per il concerto conclusivo della 72° Sagra Musicale Umbra e solista ospite per il 150° anniversario del teatro Verdi di Pisa a fianco di artisti di fama internazionale come P. Ciofi, R. Scandiuzzi, E. Scala, M. Sgura, il tutto diretto dal M° F. Pasqualetti.

In ottobre, fa il suo debutto presso il teatro dell’opera di Firenze nel ruolo di Prunier da “La Rondine” di G. Puccini, con la direzione di V. Galli e la regia di D. Krief, produzione trasmessa in diretta radio e in differita sul canale tv rai 5.

Tra i prossimi impegni, nel mese di novembre, parteciperà ad un gala presso la Lotte Concert Hall di Seul in occasione degli eventi per il 10 anniversario della morte di L. Pavarotti con la direzione di E. kohn. A dicembre sarà Camille de Rossillon ne “La vedova allegra” di F. Lehar presso il teatro Bellini di Catania con la direzione di A. Sanguinetti e la regia di V. Sgarbi. A gennaio invece vestirà i panni di Rodolphe nel “Guillaume Tell” di G. Rossini presso la fondazione del Teatro Massimo di Palermo

Sotto la bacchetta di G. Ferro e la regia di D. Michieletto. A marzo sarà Rodolfo ne “La Boheme” di G. Puccini per il festival Opus Lirica di San Sebastian (Spagna). Ad aprile torna a coprire il ruolo di Selimo ne “Il Corsaro” di G. Verdi per la fondazione dei Teatri di Piacenza con la direzione di M. Beltrami e la regia di Puggelli.

Matteo Mezzaro – Tenor

Graduated in renaissance singing, organ and composition, the tenor Matteo Mezzaro is also a specialist in baroque and romantic opera. He performs in concert under the guidance of such prestigious baton as Zubin Metha, Ottavio Dantone, Gustav Leonhard, Christopher Hogwood, Ton Koopman, Michael Radulescu, Filippo Maria Bressan, Jordi Savall, Filippo Maria Sardelli. Currently he is studying operatic repertoire with the tenor Sergio Bertocchi.

He made his role debut as Paolino in Cimarosa’s Il matrimonio segreto at Teatro Malibran in Venice.

During his career, especially at the beginning, he performed in many roles from barock opera as Demetrio in Purcell’s The Fairy Queen at Wielki Theater in Poznan, as Mitrane in Mayr’s Demetrio at Festival Opera Obliqua (first performance in modern times), as Mitridate in Vivaldi’s Il tigrane at Festival Opera Barga (LU) under the baton of Federico Maria Sardelli, as Uriel in Haydn’s Die Schöpfung at Festival de Santander, as Marchese della Conchiglia in Piccinni’s La Cecchina at Piccolo Festival of FVG, as Eurillo in Scarlatti’s Gli equivoci nel sembiante at Teatro dei Differenti di Barga.

During last years he started to work much more the romantic repertoire. He performed roles like Nemorino in L’elisir d’amore at Teatr Manoel in La Valletta (Malta), Mozart in Korsakov’s Mozart e Salieri at Teatro Verdi di Pisa, Fracasso in Mozart’s La finta semplice for ASLICO, Conte Alberto in Rossini’s L’occasione fa il ladro in Teatro Verdi di Trieste, Don Ottavio in Mozart’s Don Giovanni in festival ASLICO and in Piccolo Festival of FVG, Tenore Italiano in J.Strauss’ Capriccio in Metz (France), Alfredo in Verdi’s La Traviata for Opus Lirica in San Sebastian (Spain),Tenore Guglielmo in Donizetti’s Le convenienze e inconvenienze teatrali in Pisa, Lucca and Livorno, Beppe in Donizetti’s Rita, Camille de Rosillon in Lehar’s La vedova allegra in the Teatro lirico di Cagliari, Ferrando in Mozart’s Così fan tutte for the festival aslico.

Also active in symphonic and sacred field, he sang Mayr’s Requiem, J. S. Bach’s Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit, Haydn’s Theresienmesse, Handel’s Messiah, Carolin Te Deum and Ode for S. Cecilia’s day, Mozart’s Requiem, Haydn’s Die Schöpfung, Listz’ Via Crucis and Missa Solemnis, Rossini’s Petite Messe Solennelle di Rossini, Britten’s Saint Nicholas, Stravinsky’s Oedipus Rex just to name a few.